lunedì 26 agosto 2013

Ad ognuno le sue priorità

Ieri ho passato il pomeriggio al pronto soccorso. Da alcuni giorni avevo una fastidiosa tachicardia, accompagnata da affaticamento muscolare e respiratorio. Prima di contattare la mia oncologa a Milano, ho fatto alcuni accertamenti. Elettrocardiogramma e analisi del sangue tutto ok. L'oncologa mi ha quindi consigliato di effettuare un ecocardiogramma (avendo fatto 6 cicli di chemio rossa meglio controllare che il cuore non abbia subìto danni). Se anche questo avrà esito negativo, potrebbe essere dovuto a stress (tanto negli ultimi tempi), al caldo e all'afa... Al momento non ci sono controindicazioni per il Tamoxifene. Per la stanchezza prenderò il magnesio. Ad un certo punto ho anche ipotizzato che si potesse trattare di un effetto psicologico (le ultime notizie tristi non hanno agevolato di certo la mia serenità). Insomma, questa tachicardia potrebbe essere il risulato di un mix di cause: stress, afa, ansia...

Mentre ero al pronto soccorso ieri e attendevo l'esito delle analisi, ho scambiato quattro chiacchiere con una signora che aspettava pure lei. Era lì perché durante il maltempo scatenatosi al mattino, aveva avuto un attacco di panico scambiato per infarto. Aveva visto la tromba d'aria che le danneggiava la casa. E' rimasta colpita più dal fatto che il maltempo le avesse danneggiato la casa piuttosto che dal fatto che la sua salute fosse stata messa in pericolo. Quando è arrivato il figlio non ha chiesto altro che della casa, come se quella cosa materiale fosse l'unica che importasse.
E se da un lato posso capirla (chissà quanti sacrifici avrà fatto per quella casa) dall'altro lato mi rendo conto di quanto le persone ignorino quale sia effettivamente il bene più prezioso e prioritario in assoluto: la nostra salute.
A me non importa più molto delle cose materiali. Ho capito che alla fine non servono proprio a nulla se non si ha la salute...

4 commenti:

  1. Sicuramente la salute è la cosa più importante nella vita. E' quella che ti permette o impedisce di fare qualsiasi cosa. Però allo stesso tempo sono d'accordo con la signora: la casa è un luogo che rappresenta sicurezza, rifugio, calore, amore, famiglia raccolta. Se viene violato questo aspetto (rapine in villa, terremoti) o se addirittura viene a mancare (sfratto, pignoramento), viene a mancare qualcosa di importantissimo e di conseguenza ci si rimette anche in salute, stress, ecc...
    Hai pienamente ragione tu, però non vedo la preoccupazione della signora come una preoccupazione per le cose materiali in genere.

    Claudio, La Nostra Juve

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Caudio, le diverse esperienze che facciamo nella vita, ci permettono di vedere tutto da punti di vista differenti. E' vero, ho ragione io ma ha anche ragione la signora. Dipende da cosa diamo priorità nella nostra vita appunto :-)

      Elimina
  2. Concordo con te cara Barbara. Quando perdi la salute, tutto è superfluo, tutto è relativo, tutto passa in secondo piano, parlo ovviamente del materiale. Anche se la ritrovi in parte, lo schema delle cose non ritorna più come in passato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chi ha visto compromettere pesantemente la propria salute, non può che pensare così. Un abbraccio

      Elimina