giovedì 13 giugno 2013

Tutto bene, poi tutto male, poi di nuovo tutto bene...

Va che la vita è così: dispettosa, imprevedibile, a volte ingiusta. Va che si diverte a funzionare a cicli: ora tutto, poi niente, poi ancora tutto. Io ho vissuto il ciclo del tutto (amore, serenità...) e il ciclo del niente (malattia, abbandono della persona amata, depressione). E adesso sto vivendo di nuovo il ciclo del tutto (lavoro, serenità, affetti importanti). Posso dire di ritrovarmi in uno stato della mia vita inatteso, che non credevo avrei mai più assaporato. Negli ultimi tempi la vita è stata sin troppo generosa nei miei riguardi, mi ha portato delle sorprese che nemmeno avrei mai immaginato... Si sarà voluta vendicare perché per lungo tempo non ho creduto abbastanza in essa e quasi volevo abbandonarla... Il punto è che quando stai male non pensi come quando stai bene, e viceversa... Ma le esperienze che facciamo nel corso della nostra esistenza ci insegnano proprio a pensare che non può andare sempre tutto male e non può andare sempre tutto bene.
E mentre faccio queste riflessioni impegnate, alle ore 13 di un tranquillo giovedì, penso alle vacanze che farò con delle amiche a luglio ^^

Sto trascurando un po' il blog e su questo aggiungo un paio di riflessioni. Ho capito che ormai non ha più la funzione iniziale, non ho più bisogno di questo spazio per sfogarmi. Vorrei che diventasse - e in parte lo è già e lo è sempre stato - fonte di informazione per chi si ritrova ad affrontare il tumore o la depressione. Continuerò a servirmi di questo spazio per raccontare la mia esperienza con il cancro, con cui dovrò confrontarmi a vita ahimè, ma oltre a raccontare il mio vissuto affronterò l'argomento servendomi di più ampie vedute. La questione Angelina Jolie mi ha fatto capire che il mio blog poteva essere anche questo e non solo il mio diario personale.

6 commenti:

  1. Ciao Barbara,sono Domenico;
    Condivido totalmente la tua scelta :bisogna parlarne,confrontarsi,riflettere tutti insieme e magari dare qualche piccola informazione generale,magari segnalare un sito utile o altro.
    Ma,non bisogna aver paura di parlarne anzi,aiuta tantissimo confrontarsi con altri e leggere i loro vissuti o i loro persieri.
    Purtroppo tutti i giorni a qualcuno viene comunicato che,è successo qualcosa di tremendo ma,si può affrontare,si può lottare,si può vivere la propria vita.
    Scrivi ancore Barbara,è bello leggere i tuoi post.
    Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Parlarne apertamente e senza indugi è stato il metodo fondamentale, per me, per affrontare meglio la malattia. Parlare ed esternare aiuta a vedere tutto quanto con maggiore lucidità, aiuta a lenire il dolore. Un caro abbraccio

      Elimina
  2. barbara...sto accanto a due persone care che hanno sto male...quella piu' vicina dopo l operazione va per ora molto bene...quella lontana deve fare il tuo tragitto di strada come te ...e alla seconda chemio...ma credimi...mi sei talmente preziosa....e poi chissà un giorno mi può capitare a me ...tvb <3 sw

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ti ringrazio per le tue parole, per me essere di aiuto, in qualsiasi modo, è la gioia più grande. Un abbraccio con tanto affetto

      Elimina
  3. .....GRAZIE ...mi sei stata di grande aiuto x aiutare la mia amica Elena... nn so se ti ricordi....attraverso la tua esperienza son riuscita a stare accanto a lei come ne aveva bisogno...e di questo mi ha ringraziato..ma io ringrazio te ..adesso chemio finita ed è tornata a sorridere come prima.... <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono felicissima di leggere queste parole!! Un caro abbraccio a te e alla tua amica

      Elimina