venerdì 8 marzo 2013

Blogger per Avon Running - Post n. 5


Oggi per me è un giorno speciale. E non perché l'8 marzo è la festa della donna. O meglio, non solo per questo. Per me è un giorno speciale perché l'8 marzo di un anno fa ho concluso il mio ciclo di sedute chemioterapiche. Da allora l'8 marzo per me ha acquistato un significato tutto particolare, profondamente personale. E allora voglio godermi questo giorno riflettendo sul fatto che ora mi sento una persona migliore, più bella, più adulta.
Voglio dedicare questo giorno anche ad una grande donna che è entrata nella mia vita dopo la malattia. La mia cara amica Giusy, che per me è una sorella. Lei correrà assieme a me per l'Avon Running. Mi sarà di grande supporto perché corre da molto più tempo di me e perché ho bisogno di qualcuno al mio fianco per riuscire a concludere degnamente la corsa. Correremo insieme, fianco a fianco (se lei non deciderà di darmi del filo da torcere lasciandomi indietro ad arrancare!!), come spero affronteremo tutto il resto della nostra vita. 

2 commenti:

  1. "Corri, corri come un gatto
    dal tuo letto alla fantasia
    corri come la tua amica matta
    dalla luna a una nuova bugia
    e corri corri come corre il vento
    che se la gonna te la strappa una spina
    ahi, Valentina

    è una rosa o chi lo sa
    vai Valentina
    ma che differenza fa?
    e allora corri corri come un ladro
    che ha rubato un libro di poesie
    corri corri che ti manca un metro
    per salvare le tue unghie e le mie
    e allora corri corri corri corri
    che se la pelle te la strappa una spina
    ahi, Valentina
    pensa che era naturale
    era un ti amo
    una carezza venuta male

    l'altra mattina l'ho trovata in un caffè
    lacrime calde
    su tre fette di saint'honoré
    vedi vedi che sorridi
    che non si impara a far l'amore
    no, Valentina
    con la tessera del dolore

    e allora corri come una gazzella
    che non vuol finire in mezzo ai trofei
    corri corri che ti basta un nulla
    per salvare i tuoi segreti e i miei
    e allora corri corri come il vento
    che se la gonna te la strappa una spina
    ahi, Valentina
    è una rosa o chi lo sa
    vai, Valentina
    ma che differenza fa?
    e allora corri corri come un sogno
    fuori strada e fuori sintonia
    corri corri come corre il tempo
    che ti da' un minuto e dopo va via
    e corri corri come corre il lampo
    che se la pelle te la strappa una spina
    ahi, Valentina
    pensa che era naturale
    era un ti amo
    una carezza venuta male

    corri corri come corre il lampo
    che se la pelle te la strappa una spina
    ahi, Valentina
    non è il dramma che pensi tu
    era un ti amo
    e dopo non ti amo più"
    "Vai Valentina" Ornella Vanoni.
    Vai amica mia, come il vento con tutta la forza della vita.
    Raffaella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che brividi Raffaella, tu sei unica dei pochissimi che riesce ad emozionarmi in questo modo per ciò che scrivi e riporti ^^ un abbraccio con tanto tanto affetto

      Elimina