giovedì 20 dicembre 2012

Prima visita di controllo dopo l'operazione n. 4

19/12/2012, ore 21:50, Milano

Stamattina mi han levato via il drenaggio. Una liberazione! Ci si abitua così tanto ad averlo, che credi sia ancora attaccato al tuo corpo anche dopo che ti è stato rimosso. Al ritorno dall'IEO, in metropolitana, stavo attenta che nessuno si potesse impigliare alla sacca che conteneva i miei due drenaggi... Sacca che non c'era più ovviamente, come non c'erano più i due drenaggi ^^
Anche la visita di controllo è andata bene. Unica "cattiva" notizia: il prossimo controllo è stato fissato il 2 gennaio prossimo. Ciò significa che il primo gennaio lo passerò in viaggio per raggiungere Milano. Vabbè, poco male... Non mi è mai importato molto delle feste comandate. Anzi, quasi non mi dispiace di andar via e di cominciare l'anno viaggiando. Amo viaggiare e partire il primo gennaio potrebbe essere di buon auspicio per un 2013 all'insegna di tanti viaggi e di tanti luoghi da fotografare.
Una considerazione sul lavoro di chirurgia plastica ricostruttiva che stanno facendo su di me: il risultato è andato oltre la più rosea delle mie aspettative. Ora che al posto degli espansori ci sono le protesi, il mio seno sembra assai più naturale e mi ci sento a mio agio. Quando il lavoro sarà portato a termine, sarò ancora più soddisfatta, ne sono certa. E mi sento di dover ringraziare per essere nata adesso che una ricostruzione del genere è possibile e lo è a livelli di altissima perfezione. Tanti anni fa chi subiva una mastectomia restava mutilata per il resto della vita, con profonde e dolorose ripercussioni psicologiche, sociali e relazionali. Avevo già parlato di quanto possa essere sconvolgente, per una donna, perdere il seno; ringraziamo che oggi si ponga più attenzione anche all'aspetto estetico della questione. L'aspetto estetico, in questo caso, è fondamentale per l'aspetto psicologico e relazionale.
E' vero, ogni tanto ho la tentazione di mettermi a pensare che sotto la pelle non c'è più il mio seno, che il naturale ha fatto posto all'artificiale, che è tutta una finzione, una messa in scena che è stata allestita per illudermi. Ogni tanto questo pensiero va a graffiare la mia mente. Ma meglio la finzione del nulla, questo è sicuro.

P.S.: ho detto alla dottoressa B. che "splendida" esperienza sia stata togliere quel mega cerotto che mi aveva fasciata dopo l'operazione (qui il racconto del mio calvario)...


Foto della Milano by night in versione natalizia




8 commenti:

  1. Sei una grandissima persona! Il tuo coraggio, il tuo ottimismo e la tua vitalità aiutano ed aiuteranno un sacco di persone! Un abbraccio forte fortissimo!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per le belle parole caro Mirko, ricambio l'abbraccio con grande affetto ^^

      Elimina
  2. Racconti di te, ma anche di me e purtroppo di altre. Riesci a raccontare le nostre vicende con una naturalezza e leggerezza che ci aiuta ad affrontarle positivamente. Grazie. Sono contenta che tutto sia andato bene, ti ho pensato tanto. Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' una delle armi per combattere il male: normalizzarlo :-)) Grazie per il tuo pensiero, un abbraccio con affetto ;-)

      Elimina
  3. Ciao ti scrivo per ringraziarti del tuo coraggio. Io ho avuto il linfoma di hodgkin ed ora ho un cancro al colon. Non si può dire che io sia un tipo fortunato. Ti seguo mi aiuta.grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi fa piacere sapere di esserti di aiuto, anche solo un po'. Ti abbraccio forte forte e grazie a te per avermi scritto :-))

      Elimina
  4. Sono felice di averti ritrovata . Lo sai, anch'io vengo da un anno....complicato e so. Adesso non perdiamoci più. Ti aspetto a Torino. Buon Natale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che bello leggerti sulle mie pagine ^^ Non ci perderemo più e... Non vedo l'ora di poterci conoscere di persona! Buon Natale anche a te ^^

      Elimina