giovedì 27 dicembre 2012

La scrittura come terapia

Adesso che la tempesta è superata, che la quiete è tornata nella mia vita e che mi godo la serenità che da tempo ricercavo, ho realizzato che la mia terapia migliore è stata la scrittura.Scrivendo ho dato sfogo alle mie angosce, ho esternato il male che mi attanagliava dentro, ho gettato fuori ciò che non poteva rimanermi nell'animo. Scrivendo, su questo blog o su pezzi di carta che mi capitavano a caso, ho ricostruito me stessa e ho ricomposto il puzzle. Mi sono analizzata, mi sono scoperta e riscoperta, ho ritrovato me stessa e mi sono migliorata. Ho fatto autoanalisi e autoterapia. Ho lavorato molto e duramente sulla persona che forse conoscevo meno di tutte: me stessa.
Scrivere mi ha dato una mano a recuperare i pezzi e a fare ordine nel cuore e nel cervello, a ristabilire un equilibrio che si era pericolosamente alterato e sbilanciato. La scrittura mi ha donato nuovamente il piacere del racconto, mi ha regalato per la prima volta il dono della condivisione e mi ha permesso di stabilire una serie di contatti che mi hanno portato a far trasformare la mia autoterapia in una terapia collettiva, di gruppo. Aiutandoci a vicenda: io che scrivevo, voi che leggevate, voi che scrivevate a me, io che vi leggevo. Un ciclo ininterrotto di esperienze che si sono accumulate, mescolate, meravigliosamente incastonate, fino a diventare una cura miracolosa. E tutto questo avviene ancora oggi!
Non so se la scrittura possa ritenersi una terapia universale, adatta a tutti. Però posso affermare che per me è stata la madre di tutte le cure, come so per certo che lo è stata per molti altri. La scrittura e la lettura mi hanno letteralmente trascinato via dalla pazzia. Mi hanno salvato la vita. Leggere libri, scrivere il blog e rileggere i mie post... sono stati e sono esercizi quotidiani che mi hanno permesso e mi permettono di essere ciò che sono oggi. Andare a recuperare i diari che scrivevo da adolescente, rileggere ciò che avevo annotato su quelle centinaia di pagine, riportare alla mia mente episodi e pensieri che avevo rimosso nel tempo.. si sono rivelati anch'essi ottime mosse strategiche per completare nel migliore dei modi il lavoro di autorecupero.
Molto prima degli sfoghi a parole con chi mi stava accanto, molto prima delle sedute di psicoterapia, molto prima della voglia di fuggire dal posto in cui vivo... E' stata la scrittura ad aiutarmi, la prima a tendermi una mano per tirarmi su dal baratro in cui penzolavo.

8 commenti:

  1. Ti capisco, anche per me è così... Scrivere, fermarsi ad analizzare se stessi o anche buttar giù ciò che pensi, aiuta moltissimo, soprattutto quando si affronta ciò che hai passato, che stai passando e che passiamo noi che ti leggiamo. Il tuo blog è sia frizzante che utile a chi sta vivendo ciò che anche tu hai vissuto! Leggere aiuta a non impazzire :) e a volte in questi casi, la pazzia è dietro l'angolo! Un abbraccio, S.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. So bene a cosa ti riferisci. Basta un niente, un nulla... e ti ritrovi completamente fuori di testa. E poi non è facile far finta di niente sia accaduto e ricominciare da capo. In questo la scrittura può essere di grande ausilio. Un abbraccio anche a te

      Elimina
  2. Me ne sto accorgendo adesso, scrivere mi aiuta moltissimo.
    Con il tuo blog, hai aiutato te stessa, ma anche gli altri,
    Ciao.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se può aiutarti, in qualsiasi modo, continua a scrivere ;-)

      Elimina
  3. Tenevo un altro Blog durante la mia malattia, poi l'ho abbandonato, per motivi che nn sto qui a spiegare. Ho trovato grande conforto e sollievo nello scrivere, è un "buttar fuori" le paure, le angosce che ci attanagliano. Non per questo se ne vanno, ma una cosa condivisa, pesa meno!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Assolutamente vero, è stato ed è così anche per me

      Elimina
  4. ciao Barbara ti scopro solo ora, da un altro blog... a proposito di "Blog-terapia" e "cancer-blogger" (che orrende, le definizioni!! ma forse ti aiutano a capire) conosci vero Oltre il cancro? www.oltreilcancro.it spero possa aiutarti! intanto in Bocca... Oriella Bologna

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Oriella, certo che conosco questo sito. Avevo anche scritto loro per dare la mia disponibilità qualora avessero voluto pubblicare qualche mio post ^^ grazie comunque per la segnalazione e per essere passata dal mio blog :-) un grande abbraccio

      Elimina