martedì 11 dicembre 2012

Già a casa

Un fulmine questo mio ultimo soggiorno a Milano! Arrivo domenica 9, ricovero e intervento il 10, partenza e di nuovo casa oggi, 11 dicembre. Viaggiare con i mezzi, trascinandosi dietro dei drenaggi, non è il massimo della comodità. Ma ero abituata a portarne fino a 4 (ricordo della mastectomia bilaterale), adesso me la sono cavata con soli 2, uno a destra uno a sinistra.
Il viaggio è durato più del necessario perché una volta arrivate a Roma, il nostro treno regionale si è rotto e sarebbe partito con 35 minuti di ritardo (alla fine è arrivato a Formia con un'ora di ritardo!!). Abbiamo fatto in fretta i biglietti per un intercity, siamo scese dal nostro treno e abbiamo raggiunto quello che ci avrebbe portato a casa prima. Quella poveraccia di mia madre si è dovuta trascinare due valigie perché io non riesco a portare pesi in questo momento. Meno male che c'è lei!
Stamattina, mentre eravamo in taxi direzione Stazione Centrale di Milano, ho ricevuto la chiamata dell'infermiera dell'IEO. Le ho confermato che la notte è trascorsa tranquilla, non ho dolori di alcun tipo né febbre. Ovviamente nemmeno questa volta ho avuto bisogno di antidolorifici (qui il post dove parlo della mia insensibilità al dolore). Il quantitativo di drenaggio si attesta a livelli normali. Tutto bene insomma. E ora relax nel mio letto ^^

3 commenti:

  1. Bentornata! Con tutto uello che hai passato e che stai passando, sei ammirevole, davvero.. Hai una forza d'animo incredibile e contagiosa! Ti auguro una celere ripresa fisica!Nel post precedente mi hai domandato quanti cicli mi restano.. ancora due e poi si passa all'operazione, finalmente, non vedo l'ora di togliermi di dosso quest'ospite indesiderato chiamato cancro! (ho fatto 3 ciclo di fec ed ora tre cicli di taxotere, ho i linfonodi positivi ahimè, ma tengo duro, non la daró mai vinta al cancro, devo fare ancora troppe cose nella vita!Un abbraccio, S.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per le tue parole!
      Guarda, ti posso dire con certezza che l'intervento sarà la parte più "leggera" di tutto l'iter. Il grosso dello sforzo dobbiamo farlo con la chemioterapia. L'intervento, al suo confronto è una passeggiata. Fidati, io ne ho fatti 4 di interventi e ne farei altri 4 se bastassero a scongiurare la chemio ^^
      E sulla tua forza e sulla riuscita della tua battaglia io non ho dubbi!! Ti abbraccio con tanto affetto

      Elimina
  2. Ops per "uelllo" intendevo quello.. Piccolo errore di battitura, chiedo venia!!! S.

    RispondiElimina