sabato 24 novembre 2012

Nuovo libro-guida: Siddharta

A 29 anni ho colmato una lacuna letteraria. E son stata ben felice di aver scelto il momento giusto per colmarla. Se avessi letto questo libro quando ero un'adolescente o anche solo qualche anno fa, non l'avrei assaporato, non l'avrei compreso, non ne avrei gioito, non avrei potuto comprendere pienamente il suo messaggio. "Siddharta" è la parabola della vita di ognuno di noi e attraverso di lui ho ripercorso la mia vita passata, trovando spunti interessanti e preziosi per affrontare la vita futura. "Siddharta" è stato il veicolo attraverso cui illuminare una verità che dovrebbe essere ben chiara dentro ciacuno di noi: che la vita è fatta di tappe obbligate.. che il dolore, che la disperazione, che toccare il fondo sono esperienze che possono aiutarci a ritrovare noi stessi e a vivere meglio. Che nella vita, per poter fare i conti con il resto del mondo, deve esserci prima di tutto ben chiaro il rapporto con il nostro Io.
"Siddharta" è stato uno dei doni più belli che mi sia giunto negli ultimi tempi e lo aggiungo, di diritto, nella lista dei miei libri-guida.

4 commenti:

  1. Grazie di averne parlato, io sono una di quelle che lo ha letto da adolescente senza forse coglierne il senso profondo, ora me lo gusto diversamente. abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Rileggilo ora, io sono contenta di averlo fatto proprio adesso, tempistica esatta!

      Elimina
  2. se sali a milano, prosegui verso nord, arriva a Lugano una domenica pomeriggio, cerca Montagnola, li trovi la casa museo di H.H. Si fanno letture, in italiano e tedesco di vari passi dei suoi libri. Poi, rientra in italia, risali la valchiavenna, passa il maloja, è arrivi a Sils. Lì c'è la casa dei suoi ultimi anni, e con attenzione potrai riconoscre l'idolo danzante, che trovi ne "l'infanzia del mago". Quell'uomo con la sua lunga e complessa vita, ha raccontato meglio di tanti, quella miscela di pensieri ed emozioni che chiamiamo "spirito". Il mio preferito è il Peter Camezind, il brano in cui descrive il vento di phoen, così ben noto a chi è cresciuto tra le montagne, mi emoziona sempre.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che dirti?!? Grazie per questa segnalazione, chissà che un giorno non possa concretizzare questo percorso! Ho preso nota anche del testo che citi, lo aggiungo di diritto nella lista dei libri da leggere ^^
      Grazie di cuore, un abbraccio

      Elimina