lunedì 5 novembre 2012

I paradossi della vita

Stamattina ho ricevuto via email i risultati delle analisi che avevo fatto a Bologna lo scorso settembre. Si trattava di valori inerenti essenzialmente ad ormoni. Per fortuna è tutto a posto, nei referti non si segnalano anomalie e questo è positivo.
Il paradosso che non ho potuto fare a meno di non notare è stato questo. Due anni fa andai dalla ginecologa perché avevo alcuni valori ormonali sballati. Questi, oltre a crearmi dei fastidi, avrebbero potuto essere d'intralcio e rendere più difficoltose future gravidanze. La dottoressa mi diede una cura da fare, al controllo successivo i parametri stavano rientrando nella norma. Purtroppo ho dovuto interrompere la cura nel momento in cui ho scoperto di avere il nodulo al seno e credevo che i valori ormonali tornassero ad impazzire.
Stamattina sono stata smentita in toto. Tutti e tre i valori che mi davano noie ora sono perfettamente nella norma! E il paradosso sta in ciò: ora che sono normali e che potrei tentare di avere un bambino con meno ostacoli... Non posso averlo e probabilmente non potrò averlo mai. La vita è proprio spiritiosa... o bastarda... A seconda dei punti di vista...

4 commenti:

  1. Beffarda? La vita a volte ci prende in giro, a volte ci sorprende, a volte ci affatica. Ci mette sempre alla prova e forse quello che conta è spuntarla sempre. In un modo o nell'altro restiamo in gioco, e che gioco! Meravigliosa bastarda vita. Ti abbraccio Barbara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Prenderla per come viene e reagire di conseguenza. Forse è questo il segreto. Un abbraccio anche a te

      Elimina
  2. Cara Barbara penso che questo sia uno dei casi in cui si possa dire 'Non tutto il male viene per nuocere'...
    Avere un bambino prima della tua lotta contro il cancro non sarebbe stato proprio un avvenimento sereno e, dati tutti i problemi anche sentimentali della tua vita penso che 'Lui', il tuo bambino, abbia preferito aspettare 'tempi migliori'. Sei fortunata, pochi futuri bambini sono così saggi! Pensala così: lui ancora non è nato ed è già una gran bella persona. Su di lui già si può scrivere un libro...

    Da un'amica 'di penna'.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara amica di penna, riassumi quello che avevo scritto un po' di tempo fa in un altro post. Lo hai già letto? :-)) http://lamiavitadopote.blogspot.it/2012/08/lettera-un-bambino-mai-nato.html

      Elimina