venerdì 5 ottobre 2012

Missione Treviso - Venezia (parte 1)

05/10 ore 13:30 sul treno per Venezia-Mestre
Si parte! Per quel viaggio che sognavo quando stavo male, quando non sapevo se mai l'avrei potuto organizzare e soprattutto realizzare.
All'inizio avrebbe dovuto svolgersi in modo diverso rispetto a come si svolgerà ora. Ma bene così. Doveva andare così e io sono felice di essere riuscita a partire. Non importa se non raggiungerò Venezia da Milano, non importa se il compagno di viaggio non é colui per cui questo viaggio era stato acquistato. Parto con una delle mie più care amiche, abbiamo anche aggiunto due giorni agli iniziali tre. Partiamo perché entrambe ne abbiamo necessità, seppur per motivazioni assai diverse. Partiamo perché ci sono momenti nella vita in cui farlo é l'unica ancora di salvezza che ti resta da levare per proseguire il viaggio. Perché il viaggio é sempre necessario, é concretizzazione della metafora esistenziale di ognuno di noi. Magari torneremo ancora più confuse e caotiche di prima... Non ci é dato saperlo ora. Si parte e si va all'avventura, ci si affida a sensazioni e istinti senza sapere a priori dove questi ci condurranno e se ci condurranno ad una destinazione sicura.

10 commenti:

  1. ciao barbara che bello il viaggio... durante una delle convalescenze ho fatto anch'io un viaggio bellissimo, con mia sorella. In aereo, che non avevo mai preso, siamo state in sicilia nel mese di ottobre dell'anno scorso. Poca gente a guardare il mio nuovo aspetto così che mi sentivo libera di girare in costume, fantastico! E' stata la settimana più libera che abbia mai avuto, libera dagli sguardi curiosi e da quelli preoccupati. Libera dagli orari e dagli appuntamenti, finalmente una nuova me che stavo collaudando. Con affetto Milena

    RispondiElimina
  2. Viaggiare è una delle cure migliori. E per noi è importante soprattutto poterlo fare ^^ Io sognavo di fare questo viaggio quando stavo male e il mio futuro era precario. Adesso che sono riuscita a realizzarlo sono felicissima!!

    RispondiElimina
  3. Cara Barbara, sono Rita di Torino, come stai? tutto bene? il 18 settembre ho fatto da testimonial a un congresso alle Molinette di torino che parlava di noi donne operate al seno con vari specialisti da tutta l'italia, mi hanno concesso un mio intervento, e ho raccontato la mia storia, ho voluto ribadire che portando le protesi estetiche dal 2003, purtroppo facendo la mammografia, è risultato un controllo inutile, perchè non si vedeva il tumore iniziale, pensa nel giro di 7 mesi era di 4 cm., quando feci l'esame non avevano visto nulla, quindi è sfuggito alla mammografia, avrei dovuto fare la risonanza magnetica, me lo hanno detto in vie riservate, solo perchè costa 10 volte tanto dalla mammografia, ho fatto il nome dell'ospedale dove la facevo da 10 anni e nessuno mi ha mai detto di fare la R.M., mi sarei evitata la mastectomia, è successo un polverone, sapevo erano presenti quelli del suddetto ospedale, cmq la mia oncologa mi ha detto che ho fatto bene a ribadirlo, magari servirà per cambiare gli eventi specie a chi ha delle protesi mammarie, ti abbraccio Rita.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Rita, che peccato non aver potuto partecipare. Cmq il mio prossimo viaggio di piacere sarà a Torino, magari riusciamo a prenderci almeno un caffè insieme.
      Io sto molto bene, ieri sono tornata da una vacanza in Veneto con un'amica.
      Hai fatto benissimo a raccontare con trasparenza la tua storia, l'informazione è il primo passo per una maggiore consapevolezza e per una migliore prevenzione.
      Tu come stai? Un abbraccio, con affetto

      Elimina
    2. Io sto bennissimo cara Barbara, mi piacerebbe conoscerti, quando vieni a Torino avvisami così ti faccio fare un giro per il centro che è bellissino, il 18, cioè giovedì prossimo parto per la Sicilia per 2 settimane con mio marito a lui piace perchè pesca con i fratelli che vivono giù, cmq si va la mare spero di farmi un bagno dipende dal tempo.. casomai se dicidi di venire a Torino rispondimi sulla mia e-mail privata che dovresti avere, un abbraccio, ti voglio bene. Rita

      Elimina
    3. Sì, ho il tuo indirizzo email e ti scriverò in privato. Penso di organizzare la mia trasferta torinese a marzo dell'anno prossimo. Al momento non posso più muovermi per gli impegni che ho a Milano, l'operazione e per la sessione d'esami all'università di gennaio-febbraio. Marzo sarà un bel mese per venire a rilassarsi qualche giorno al termine di tutto questo.

      Elimina
    4. Bene sarà un bell'evento quando verrai a Torino, io ti aspetto e ti farò da cicerone x la città, mi raccomando sii sempre in gamba come sei adesso, ti abbraccio, Rita.

      Elimina
    5. Che bello, avrò due ciceroni!!! Ho anche un carissimo amico lì

      Elimina