martedì 10 luglio 2012

Quasi un anno ormai...

Il 20 luglio di quest'anno sarà una data doppiamente importante per me.
Per un motivo bello e per uno brutto.
Iniziamo con il motivo bello: in quel giorno è nata la persona che ho amato di più nella mia vita. A cui devo molto. A cui, in un certo senso, devo questa mia nuova vita e tutte le possibilità che avrò.
Anche se adesso le nostre strade si sono divise e siamo sempre più lontani.
Passiamo al motivo brutto: il 20 luglio del 2011, anno assai infausto per me, mi fu diagnosticato un carcinoma mammario maligno. E da quel giorno per me e per la mia famiglia è iniziata la serie di peripezie che mi ha portata da Roma a Bologna e infine a Milano.
Vorrei "utilizzare" il blog come diario in cui ricordare quest'ultimo anno. Ripercorrerlo, ora che sto bene psicologicamente. Cacciarlo fuori di me, esternarlo, dargli una forma e guardarlo in faccia.
Adesso che sono serena - anche se la battaglia non è terminata - ho avvertito questa necessità. Magari potrà diventare anche un veicolo di condivisione con chi ha vissuto la mia stessa esperienza. Anche se, ne sono certa, esisteranno già tantissimi blog simili.
In quest'ultimo anno ho avuto modo di conoscere tantissime donne che stanno affrontando la mia stessa battaglia. Anche se il nemico è comune, ogni guerra è personale. Anche se ci sono stati d'animo, incubi, preoccupazioni... che condividiamo e che solo noi possiamo riconoscere negli occhi e nell'espressione di un volto.
A tutte le donne, a tutte le guerriere... A chi combatte, a chi ha vinto ma anche a chi purtroppo non ce l'ha fatta.... A voi va il mio pensiero più grande e affettuoso.

10 commenti:

  1. Ciao Barbara ti faccio tantissimi auguri per una completa guarigione.Un Grande in Bocca al lupo.
    Pasquale Di stradis.

    RispondiElimina
  2. Grazie, crepi il cacciatore!!!
    E grazie anche per essere passato di qui :))))

    RispondiElimina
  3. ...anche per me un anno il 28 luglio 2012...Un abbraccio

    RispondiElimina
  4. Ed è passato anche molto in fretta... Hai avuto anche tu questa sensazione??

    RispondiElimina
  5. Vero, il tempo è volato, strano ma vero ;-)

    Abbiamo in comune il nome, la nostra battaglia contro il mostro iniziata con pochi giorni di differenza...Io ci vedo come due guerriere, vittoriose oggi! Un bacione

    RispondiElimina
  6. Che sia volato, per alcune cose, è stato anche un bene.

    Eh sì, quante cose in comune. Magari ne scopriremo tante altre :-D

    RispondiElimina
  7. Carissima, mi chiamo Rita ho 57 anni e sono di Torino,sono stata operata di carcinoma al seno sinistro di 4 cm. il 18 febbraio 2011, mi sono stati tolti i linfonodi 4 compromessi su 15, mi hanno fatto la mastextomia compreso il capezzolo, dopodichè ho fatto 6 mesi di chemioterapia, radioterapia, mi sono caduti i capelli ho portato la parrucca x 10 mesi, insomma ho passato un 2011 terribile con la paura della morte ed eventuali metastasi, ringraziando Dio ad oggi sono libera da malattia e sto bene, tanto che la mia oncologa mi ha chiesto di fare da testimonial il 18 settembre 2012 all'ospedale Molinette di Torino per un evento di medici, senologi e chirurghi plastici a raccontare la mia storia anche x dare un aiuto psicologico ad altre donne con il nostro problema. Caspita ma tu sei giovanissima solo 28 anni hai già vissuto questo calvario, sei molto coraggiosa e lo dai alle altre, brava continua così, solo non avendo paura di questa brutta bestia si sopravvive e si combatte,perchè purtroppo si nutre delle nostre paure, mi raccomando sii sempre forte xchè la vita va vissuta ogni secondo, un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Rita ho ricevuto la tua email in privato. Ti scriverò presto! Un abbraccio anche a te

      Elimina
  8. Ciao Barbara, mi chiamo Marco, io ho combattuto con un linfoma molto aggressivo che in 5 mesi mi voleva portare via.... ho finito la chemioterapia a marzo 2012 e non è stato un periodo facile, anzi. Ad ogni modo ti capisco benissimo, so cosa hai provato e capisco il mix di sensazioni stranissime che hai provato. Ti ammiro e ti incoraggio ad affrontare il tutto positivamente come hai fatto fino ad ora, oltre alla chemioterapia la positività d'animo è l'unica cosa per sconfiggere questo brutto male! In bocca al lupo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao caro Marco,
      grazie per le tue parole di incoraggiamento. Ma tu come stai ora?

      Elimina